Menu

Federico Clavarino – Italia o Italia

Italia o Italia è costruito sulle rovine di un impero irrisolto, un luogo in cui i monumenti possono essere ridimensionati attraverso il semplice atto del guardare. Il libro si fonda sulla continua dualità che trova la propria strada in un labirinto di contrasti e similitudini.

Sebbene le immagini nel loro insieme formino una storia, nella loro singolarità sono pregne di espressività. Per mezzo delle luci e di contorte angolazioni, il lettore viene condotto su un cammino che il fotografo ha creato da ombre, simboli oscuri, figure umane e panorami urbani. Una sorta di staticità permea ogni scatto del libro, trasformando i luoghi ritratti in paesaggi disabitati. Ma ognuno di questi spazi, nasconde una certa umanità, che si nasconde all’occhio superficiale in angoli ritirati, nel semplice movimento della mano, nelle sezioni di una colonna o nel movimento discontinuo di una persona. L’umanità in ogni singolo atomo.

Queste imperfezioni della quotidianità, che si mostrano solo durante lo scatto, rivelano l’individualità di un luogo che sembra in attesa di un nuovo inizio o meglio, di un destino diverso.

Mostra prodotta in collaborazione con Spazio Labo’-Centro di fotografia.

Federico Clavarino nasce a Torino il 19 Settembre 1984, città in cui vive fino ai 22 anni. Dopo un Master in Letteratura e Scrittura Creativa alla scuola Holden di Alessandro Baricco, nel 2007 si trasferisce a Madrid dove inizia a studiare fotografia alla BlankPaper School con Fosi Vegue. Due anni dopo, inizia già a lavorare al suo progetto fotografico e nel 2010 viene pubblicato il suo primo saggio breve, La Vertigine. Il suo primo photobook, Ukraina Passport. Venne pubblicato l’anno successivo, ricevendo la Menzione d’Onore al PhotoEspana Award come migliore photobook del 2011.

Lavora anche come insegnante per la BlankPaper School, dove insegna ancora. Nel Settembre 2014, la casa editrice Akina Books con base a Londra pubblica il suo secondo libro, Italia o Italia. L’opera riceve buone recensioni da critici e le fotografie originali vengono esposte nel 2015 al Festival Internazionale di Fotografia di Roma. Nel Marzo 2016 Dalpine pubblica il suo terzo libro, Il Castello. Tra i suoi attuali progetti, Hereafter ha ricevuto la borsa di studio Fotopres della Fondazione La Caixa nel 2014. Attualmente in corso d’opera, vedrà la luce nel 2017.